restinpets1

Bare per animali Rest in Pets

Scritto il: Scritto da:

0

Su Kickstarter si trovano tante idee che senza quest’opportunità di finanziamento collettivo probabilmente non vedrebbero mai la luce.
Una di queste, ad esempio, sono le bare di cartone Rest in pets per i piccoli animali domestici, decorate con illustrazioni adatte ai bambini. La bara in cartone è naturalmente biodegradabile, e i padroncini degli animali defunti possono scriverci sopra un messaggio di addio. L’idea è interessante perché affronta un tema molto delicato proponendo una nuova tipologia di oggetto: invece di usare una piccola bara di legno, la scelta di Rest in Pets riduce la drammaticità e porta il triste evento alla giusta dimensione.
Viceversa usare una bara tanto anticonvenzionale per gli uomini sarebbe una scelta difficile da accettare per i più; a questo proposito mi torna in mente la Bios Urn che recensii su Elmanco sette anni fa. Continua…

maxlamb1

Costruire nella sabbia – Max Lamb

Scritto il: Scritto da:

0

Il designer inglese Max Lamb è una delle più belle scoperte che ho fatto durante il 2012. Max costruisce elementi di arredo di grandissima personalità; uso il termine costruire perché nel suo caso il designer è anche l’artigiano che realizza gli oggetti, utilizzando tecniche costruttive che connotano in maniera decisiva il risultato finale. Tutti i prodotti pubblicati nel sito di Max Lamb sono accompagnati da un’ampia galleria fotografica che mostra le fasi di lavorazione, così che diventa facile capire come, e perché, l’oggetto ha tale aspetto. Continua…

un anno dopo

Un anno dopo

Scritto il: Scritto da:

1

Dopo quasi un anno d’interruzione ecco un nuovo articolo del blog!
Durante la lunghissima attesa l’attività editoriale di Elmanco si è limitata a qualche veloce aggiornamento della pagina Facebook e questa situazione richiede una spiegazione.
Come molti sapranno le pubblicazioni si sono interrotte lo scorso anno in corrispondenza della mia partenza per Cracovia dove, grazie ad una borsa di studio Leonardo, ho lavorato nello studio di architettura polacco Q-Arch da giugno a dicembre.
L’esperienza è stata molto positiva sia dal punto di vista professionale che personale ma preferisco parlarne meglio in un articolo successivo, quindi in questa circostanza mi concentrerò su quanto riguarda direttamente il blog.
Continua…

sarashin1

Sara Shin non ha paura di sbagliare

Scritto il: Scritto da:

1

Qualche tempo fa mi è stata segnalata un’animazione video molto bella e divertente, che voglio condividere con i lettori di Elmanco così come hanno già fatto centinaia di utenti sui social networks. L’autrice è una giovane graphic designer americana di nome Sara Shin che sta completando i suoi studi al college Otis di Los Angeles, ma che ha già avuto diverse esperienze di lavoro come freelance e stagista in studi grafici di alto livello.
Il video “Never confuse a single defeat with a final defeat.” (una citazione di F. Scott Fitzgerald) è nato durante l’internship nello studio Blind ed ironizza sulle condizioni di lavoro dei designer alle prese, come sempre, con clienti bizzosi e tempistiche impossibili. Continua…

crumpledcity1

Crumpled city

Scritto il: Scritto da:

0

Crumpled city è il nome di una magnifica serie di mappe cittadine stampate su di un materiale morbido, leggero e impermeabile che permette di appallottolarle senza danneggiarle. L’idea non è banale perché siamo abituati a ripiegare con cura le mappe a causa della fragilità della carta, mentre avere la possibilità di schiacciarle velocemente in tasca o di utilizzarle sotto la pioggia è molto comoda, sopratutto quando si è in viaggio in una città sconosciuta e si hanno più impacci e fretta del solito. Continua…

sacchetti1

Il design in tasca

Scritto il: Scritto da:

0

Il design in tasca” è un agile e intelligente libro scritto dall’architetto, designer e professore Valerio Sacchetti. Come si intuisce dal titolo, il libro è una sorta di guida per definire gli aspetti principali del disegno industriale: l’etimologia, le origini, gli esempi migliori e le relazioni con la società e l’arte nei diversi periodi storici. Tutti questi argomenti sono già stati affrontati da altri studiosi, ciononostante il libro merita di stare nella biblioteca ideale di Elmanco per lo stile asciutto e ironico, e per la mancanza di remore nel criticare anche oggetti comunemente riconosciuti come capolavori del design, quando questi presentano inconvenienti che complicano la loro produzione o utilizzo. Continua…

youtool1

YOUTOOL

Scritto il: Scritto da:

0

Youtool è un portale che mette in relazione tra loro designer e aziende attraverso workshop multimediali che prevedono video formativi e l’assistenza di tutor online. Il progetto è nato lo scorso anno con un finanziamento europeo per rinforzare l’industria della creatività nella regione Emilia Romagna.
Youtool è portato avanti con competenza e merita di crescere, perciò gli do volentieri un pò visibilità. Il portale è disegnato con un layout moderno e funzionale che prevede sezioni dedicate al portfolio dei designer iscritti e alla aziende partecipanti, oltre a un blog-magazine dai contenuti interessanti e in tema. Continua…

ugolini1

Intervista a Marco Ugolini

Scritto il: Scritto da:

0

Ha appena inaugurato a Lipsia la mostra di un artista italiano il cui cervello è da tempo fuggito all’estero. Marco Ugolini ha passato l’ultimo decennio tra Olanda e Germania producendo una grande quantità di lavori di fortissimo impatto visivo e comunicativo che parlano una lingua comprensibile a tutti per la loro disarmante chiarezza. Impensabile cercare di incasellarne uno qualsiasi in una categoria preordinata: la lingua universale che questi lavori parlano è fatta coi pezzi di molti alfabeti diversi. Contaminazione e comunicazione sono indubbiamente le due costanti all’interno dell’opera di Ugolini che è a un tempo variegata nella forma e compatta nella forza del messaggio, e piuttosto che a un artista o ad un designer tout court (anche se lui si definisce designer) viene molto più facile per me confrontarlo con David OgilvyStefan Sagmeister … giusto per scomodare come al solito qualche nume tutelare. Continua…

ncw1

NCW Industries e Aracne 8.0

Scritto il: Scritto da:

0

Durante la settimana del design milanese ho avuto modo di vedere l’allestimento di NCW Industries all’interno del negozio – galleria XL Combines in Via Montevideo. NCW Industries è l’ultima evoluzione di No Curves, uno street artist che ho sempre stimato e di cui parlai su Elmanco già nel 2008. No Curves continua ad esprimersi usando nastro adesivo (uno dei suoi sponsor tecnici è giustamente la Tesa) ma mentre nei primi lavori il messaggio era scritto sovrapponendosi a uno preesistente, e stravolgendolo, ora l’artista ha scelto uno strada diversa. La nuova creazione si chiama Aracne 8.0, un ragno che tesse la sua tela usando il nastro adesivo. Continua…

ventura1

Ventura Lambrate deludente

Scritto il: Scritto da:

1

Scrivo questo articolo dopo la prima visita a zona Ventura Lambrate durante la settimana del design milanese 2012. La curiosità era tanta perché dal 2010, anno di nascita, ad oggi il progetto ha riscosso molti consensi e punta a ritrovare quell’energia creativa originaria del Fuorisalone, che sta sfumando sotto i colpi di tanti inserimenti istituzionali e commerciali che a volte poco centrano con il design.
Forse le mie aspettative erano troppo alte, ma sono rimasto deluso da zona Ventura Lambrate nonostante tutti continuano a parlarne molto bene; e non lo dico per fare semplicemente il bastian contrario. Continua…