autoemotincos.jpg

Auto emoticons

Scritto il: Scritto da:

0

L’idea alla base del Drivemocion è sempre interessante (tempo fa avevo recensito un dispositivo simile da utilizzare per la bicicletta). Un display a led luminosi da applicare nel lunotto dell’automobile permette di comunicare con i passeggeri dei veicoli adiacenti; i messaggi e le icone sono caricati con un telecomando montato vicino al volante.
Non so se sia possibile scegliere il testo da fare apparire: le possibilità potrebbero essere notevoli, come pure lo stupore degli altri automobilisti! (via: Fubiz)

virtual-architecture.gif

Architettura virtuale | Anshe Chung

Scritto il: Scritto da:

0

Coraggio giovani architetti, frustrati dalle misere possibilità offerte dal mercato italiano! Il riscatto degli anni passati a disegnare davanti ad un monitor splendide architetture contemporanee irrealizzate è forse arrivato: perché non diventare un architetto virtuale su Second Life?
Per chi non lo conoscesse, Second Life è il più celebre universo virtuale del momento, nato nel 2003 ed attualmente abitato da oltre 300.000 avatar, dietro cui ci sono persone che utilizzano un PC ed una connessione a banda larga per trascorrere ore della propria vita reale nella rappresentazione digitale di un mondo fittizio. In Second Life tendono a ricrearsi molte delle convenzioni, dei vizi e delle virtù di qualunque società umana (non s’inventa mica niente…), ma l’utente ha, seppure con certi limiti, molte più possibilità e libertà rispetto alla vita di tutti i giorni, potendo letteralmente creare gli oggetti da utilizzare. Ovviamente tutto ha un costo, e questo costo si paga in linden dollars, una valuta scambiata con regolari dollari americani tramite carta di credito.
In questo punto d’incontro tra virtuale e reale si è abilmente inserita la cinese Anshe Chung, che in soli sedici mesi ha messo su un business edilizio mica da ridere, tanto da aver potuto assumere una decina di dipendenti! Gli Anshe Chung Studios vendono, per dollari reali, i files d’edifici, oggetti e veicoli d’ogni tipo di loro creazione. Con questi ritmi di crescita nei prossimi anni Second Life e simili potrebbero avere bisogno di tanti nuovi progettisti.

brentwood.jpg

Brentwood

Scritto il: Scritto da:

0

L’azienda brasiliana Brentwwod ha una magnifica produzione d’arredi, perfetta per chi cerca uno stile caldo e moderno. Tutti i designer coinvolti sono dei brasiliani di cui sinceramente non avevo mai sentito parlare, ma apprezzo il loro uso retrò ed organico del legno, che rivela l’appartenenza ad una cultura esotica.
D’ottima fattura è anche il sito stesso, semplicissimo come struttura, ma impreziosito da una serie di finezze. (Thanks Jona)

electricheat.jpg

Electric Heat

Scritto il: Scritto da:

0

Sul sito Electric Heat si può ammirare il meraviglioso portfolio del giovanissimo grafico americano Nigel Evan Tennis. La sua biografia è un po’ pretenziosa, ma molte delle sue opere sembrano avere veramente un tocco di magia che affascinerà un pubblico molto ampio.
La lista di clienti con cui ha già lavorato è imbarazzante… complimenti!

bitfall.jpg

Bitfall il monitor liquido

Scritto il: Scritto da:

0

Hai letto bene, non sto parlando di un monitor a cristalli liquidi, ma di un monitor “liquido”, i cui pixel sono formati da gocce d’acqua. Bitfall è un sistema controllato da un computer che può riprodurre immagini attraverso la sincronizzazione delle gocce che fuoriescono da 128 ugelli. Le fontane e le cascate, naturali od artificiali, sono sempre state una grande attrazione per l’uomo, l’idea di potere intervenire anche su questo elemento è emozionante.

legorobots.jpg

Neutronbot

Scritto il: Scritto da:

0

Neutronbot è il sito che riunisce la produzione di sei amici con una straordinaria passione per le costruzioni Lego. Sono di grande rilievo le creazioni di Soren, ispirate a film e cartoni animati di fantascienza. Non riesco ad immaginare che lavoro faccia questo tizio e quanti mattoncini possieda, ma la sua creatività ed il suo talento sono il miglior spot possibile per questo tipo di “giocattoli”.
(Via: Computer love)

emigre.jpg

Emigre redesigned

Scritto il: Scritto da:

0

Il leggendario sito Emigre è stato recentemente riallestito in maniera chiara ed elegante (e poteva essere diversamente?). Oltre alla preziosa collezione di fonts ed ai numeri passati del sospeso Emigre magazine, sono in vendita poster, carta da pacchi, ceramiche , ed altri “furbi” oggetti di merchandising.
Il sito della compagnia che ha fatto la storia della tipografia negli anni ’90 vale sempre una visita.

ykm.jpg

Shopper YKM

Scritto il: Scritto da:

0

Le origini di quest’immagine sono misteriose; si tratta in ogni caso di una borsa shopper per la catena di distribuzione turca YKM. L’immagine dell’atleta che fa l’esercizio della corda utilizzando il manico della borsa, è un’idea di sicuro effetto.
Un altro esempio della tendenza attuale di cercare un’interazione tra l’immagine pubblicitaria e ed il consumatore, di borse “interattive” ormai ne ho viste parecchie!

cheora.jpg

Che ora è?

Scritto il: Scritto da:

0

Mi è giunto questa mattina un link assurdo che non tardo a postare perché ha buone probabilità di diventare un futuro web-tormentone.
Su www.cheorae.it troverai 1440 minivideo diversi, uno il minuto, con protagonista un simpatico pazzoide che annuncia l’ora dispensando, quando ne ha voglia, perle di saggezza. Divertente e fantasiosa, all’apparenza la pagina potrebbe essere vecchia di 10 anni, mentre è nuova di pacca, come credo l’idea, che presto potrebbe essere ripresa da siti più blasonati.
(Thank Alberto!)

designallacoop.jpg

Design alla Coop

Scritto il: Scritto da:

0

Complimenti alla Coop per avere accettato la sfida difficile, ma affascinante di affidare ad una ventina di designer italiani più o meno celebri il compito di progettare una serie d’oggetti per la casa pensati per la grande distribuzione. I 20 prototipi realizzati sono stati esposti all’interno di una mostra itinerante che ha permesso al pubblico di votare il progetto che si sarebbe preferito vedere realizzare. In seguito sono stati scelti per la fase esecutiva 11 progetti che nel 2007 saranno disponibili nei negozi Coop.
Spero che l’iniziativa si riveli un successo commerciale ed abbia un seguito perché gli oggetti sono davvero interessanti, merito sicuramente della buona selezione di designers, e sembrano incredibilmente “cool” rispetto a tanti altri concorrenti. Qua sopra ho dovuto sceglierne 3, ma consiglio di visionare tutta la serie, che trovate nel proseguimento dell’articolo.

Continua…