polaroid.jpg

Polaroid cerca una nuova strada

Scritto il: Scritto da:

7

Nei giorni scorsi giornali e TV hanno dato largo spazio alla chiusura definitiva di Polaroid, il cui destino era ormai segnato da tempo. La sua scomparsa ha comprensibilmente suscitato interesse perché le macchine fotografiche istantanee sono sempre state viste da tutti con simpatia e curiosità, come ogni prodotto che ci aiuta a conservare i ricordi. La diffusione della fotografia digitale, non poteva però lasciare scampo a Polaroid: la possibilità di vedere immediatamente quanto scattato sullo spazioso monitor di un telefonino o di una macchina fotografica moderna è un’alternativa troppo comoda.
Polaroid ha perciò sbaraccato gli ultimi stabilimenti cercando di riconvertirsi, almeno parzialmente, nella produzione di minuscole stampanti portatili che consentono di avere immediatamente su supporto cartaceo le immagini scattate da altri dispositivi. Potrebbe sembrare la naturale evoluzione del loro business, ma in pratica temo che l’idea riscuoterà poco successo per questi motivi:
- Nel campo delle stampanti digitali Polaroid non arriva certo prima, tanti altri competitors sono sulla piazza da anni.
- Le necessità di avere una stampante tascabile esiste, ma è molto limitata. Il bisogno impellente di un’utente è vedere cosa ha scattato, poi che sia su un monitor o su un foglio poco importa.
- La diffusione di economiche stampanti a getto di inchiostro in case ed uffici è ormai massiccia; credo che i tempi stiano diventando duri anche per i tradizionali sviluppatori fotografici.
- La Zink technology sviluppata da Polaroid ha un logo che somiglia in maniera imbarazzante allo Zune di Microsoft. E questi sono sempre brutti segnali.
L’unica possibilità interessante che mi viene in mente, è quella di usare un supporto adesivo, così da poter stampare dei post-photo-it utili come appunti visivi o per lasciare souvenir in feste, discoteche ed eventi di vario genere.
È un po’ poco.

criva.jpg

Free vector by Criva

Scritto il: Scritto da:

2

Criva è un blog di grafica che ho scoperto solo da pochi mesi. I testi sono scritti in inglese, ma l’autore sembra italiano e di poche parole.
Non so nulla sul suo conto, ma quello che importa è la qualità dei contenuti: davvero alta per un blog non particolarmente “famoso”. Oltre alla bontà degli esempi, Criva merita di essere ricordato per questi file vettoriali rilasciati con periodicità irregolare. Si tratta di .EPS contenenti illustrazioni ed icone scaricabili gratuitamente, utili strumenti per ogni grafico di buon gusto.

propeller1.jpg

Sottopentola Propeller

Scritto il: Scritto da:

0

Propeller è un sottopentola in silicone che, quando non svolge la sua funzione, può essere richiuso per ridurre l’ingombro ed essere conservato insieme alle posate. Nulla di indispensabile, intendiamoci, ma è pur sempre un oggetto originale e colorato che può piacere ad un pubblico ampio ed eterogeneo. Propeller è stato disegnato da Jakob Wagner ed una delle nuove proposte di Menu, un’azienda danese già segnalata su questo blog. Il prodotto è disponibile anche su Nice3have per 17 euro.
Continua…

simon1.jpg

Daniel Simon

Scritto il: Scritto da:

4

Daniel Simon ha lavorato come concept designer presso le più importanti case automobilistiche europee. Dopo qualche anno si è messo in proprio, specializzandosi nel progetto di fantastici veicoli futuribili, pensati non tanto per l’industria pesante, quanto per quella leggera del cinema, della pubblicità e dei videogame. I suoi lavori sono una fusione di creatività e tecnologia ai massimi livelli che devi assolutamente vedere.
Daniel possiede anche un gran senso dell’umorismo, mascherato dietro un sito elegante e professionale: leggi il suo profilo per farti un’idea del personaggio. (Thanks: Tppnr)
Continua…

billmoggridge.jpg

Bill Moggridge a Milano

Scritto il: Scritto da:

3

Stefano mi segnala un evento milanese di cui non ero a conoscenza, ma che sembra proprio uno di quelli da consigliare: la conferenza di Bill Moggrdidge, che si terrà lunedì 3 marzo 2008 presso la Mediateca di Santa Teresa, in via della Moscova 28. Devo ammettere che non avevo mai sentito parlare finora di Bill, ma dato è che è stato uno dei fondatori di Ideo, e che nel 1981 ha progettato il primo laptop… qualcosa di interessante da dire l’avrà! La partecipazione è gratuita, ma è necessario essersi iscritti in precedenza su Meet the Media Guru.

similar1.jpg

Similar Diversity

Scritto il: Scritto da:

0

Similar Diversity è un emozionante progetto grafico e sociale realizzato da Philipp Steinweber e Andreas Koller. Grazie ad uno speciale software, i due grafici hanno analizzato i testi sacri delle principali religioni mondiali, con l’intento di scoprire le relazioni che intercorrono tra le parole usate con maggiore frequenza. Sinceramente solo da queste immagini non riesco a comprendere bene il procedimento, ma sono sicuro che ad una vista più ravvicinata tutto si dimostrerebbe molto efficace. Oltre all’abilità grafica con cui sono state rappresentati dei rapporti tanto complessi, è ovviamente da lodare l’intento di trovare punti in comune tra religioni diverse, e spesso in conflitto tra loro.
Continua…

duck1.jpg

Duck Bill Money Clip

Scritto il: Scritto da:

0

Pochi giorni fa ho ricevuto il porta carte metallico Duck Bill Money Clip. Nel sito è pubblicizzato come il migliore di sempre ma io, che ho sempre usato il classico portafogli, non posso certo garantirlo. Di certo però si tratta di un bell’oggetto: solido, ben fatto e curato nei dettagli, come i due forellini che lo fanno assomigliare al becco di un papero dei fumetti, e danno un’identità all’oggetto. Da segnalare anche l’attenzione con cui è stato pensato il packaging, perfetto per farne una bella idea regalo, ma che fa anche lievitare il costo a 33$ più spese di spedizione.
Continua…

peter1.jpg

Peter Callesen

Scritto il: Scritto da:

3

Può un blog definirsi cool senza avere mai pubblicato le opere di Peter Callesen?!
Probabilmente no, perciò nemmeno io rinuncio ai fantastici origami con cui Peter è diventato famoso nel web. Credo che il successo sia da attribuire, oltre alla grande perizia, all’idea di giocare non solo con le forme di carta, ma anche con quelle del vuoto lasciato sul foglio che ha generato la scultura.
Continua…

recycledstuff1.jpg

Riciclare con fantasia

Scritto il: Scritto da:

7

In un sito orientale di cui non comprendo la provenienza (Singapore, Indonesia?), ho trovato un’incredibile carrellata (in lingua tedesca) di idee per riutilizzare oggetti pronti alla pattumiera in tante e stravaganti maniere. Le proposte sono più o meno utili, molte di queste sono divertenti ma fini a se stesse, tuttavia vale sempre la pena vedere sfoggi di creatività e manualità del genere, che possono diventare fonte di ispirazione per progetti più importanti. Non perderti dunque il proseguimento dell’articolo, perché le tre immagini qua sopra ne sono solo un piccolissimo assaggio. Se conosci l’autore di queste creazioni, lascia un messaggio.
Continua…

logos1.jpg

Fondamenti di grafica

Scritto il: Scritto da:

27

Ho terminato da poco la lettura di “Fondamenti di Grafica”, casa editrice Logos, un libro scritto da Gavin Ambrose e Paul Harris che mi sento di consigliare. La mia formazione in campo grafico è in buona parte autodidatta, e mi interessava fare chiarezza sui principi e le tecniche principali, per non cadere in qualche gaffe.
Il libro è particolarmente adatto per chi vuole avvicinarsi alla grafica contemporanea: i testi sono semplici e gli esempi spaziano dalle tecnologie di stampa più antiche, che tanto influiscono sulle convenzioni attuali, a quelle usate per video e web. Ovviamente un esperto professionista troverà il tutto abbastanza inutile, ma potrà comunque apprezzare la qualità e l’attualità degli esempi proposti.
Continua…