immaginariodiunillustratore1

L’immaginario di un illustratore

Scritto il: Scritto da:

0

Non avevo mai pensato alle analogie tra il disegno industriale e l’illustrazione, e invece le origini di entrambi le discipline hanno dei punti in comune, come spiega Alessandro Bonaccorsi nel libro “Illustrazione – L’immaginario per la professione”. Bonaccorsi è un bravo illustratore e graphic designer, noto sul web anche per il suo blog di cultura visiva “Zuppa Grafica”; il suo più recente progetto è appunto un testo dedicato alla professione di illustratore: come è nata, come si è sviluppata, e come cambierà in futuro. Il libro ha un approccio scientifico al tema, e si addentra nella psicologia degli illustratori, per spiegarne le aspettative, i timori, le soddisfazioni, le frustrazioni e i luoghi comuni che accompagnano questo lavoro.

La scrittura chiara e limpida rende il libro comprensibile anche ai non addetti ai lavori. “Illustrazione – L’immaginario per la professione”, cinquanta pagine intervallate da quindici splendide immagini create da famosi illustratori che hanno concesso l’utilizzo dei loro lavori, è disponibile come e-book su Amazon e Ultima books, ma è in uscita anche una versione cartacea che può essere prenotata scrivendo a: zuppagrafica@gmail.com.
La vesta grafica dell’e-book avrebbe potuto essere più sofisticata, ma i contenuti sono  validi ed originali. Per chi, come me, ama il tema ma non lo conosce da vicino, è stata una lettura che ha innescato utili riflessioni.

Il libro può essere considerato come un manifesto per il buon illustratore, e guarda al futuro con uno spirito ottimista perché la tecnologia non potrà mai soppiantare l’inventiva di un autore di talento.
La forza di un’illustrazione ben riuscita è quella di comunicare a prima vista l’emozione e l’atmosfera richiesta nel briefing, facendo una brillante sintesi dei contenuti di lunghi testi scritti.

L’illustrazione è un’arte popolare perché riproducibile, che nasce dalle indicazioni di un committente e non dalla volontà dell’autore, e che si sviluppa agli inizi del ‘900 dopo che le conseguenze della rivoluzione industriale sono giunte anche nel mondo dell’arte. Si potrebbe dire la stessa cosa anche del disegno industriale, non è vero?

L’autore si sofferma poi sulla pratica professionale e spiega come la digitalizzazione dei contenuti abbia complicato la vita di molti illustratori che fino agli anni ’90 erano abituati a guadagnare bene vendendo i loro lavori al mondo della pubblicità e della carta stampata, mentre ora questo mercato si è abituato a utilizzare meno l’illustrazione e, almeno in Italia, a pagarla pure poco.
Ciononostante sono aumentate le possibili applicazioni dell’illustrazione in campi diversi, come design del prodotto e packaging, e il web rende più semplice l’internazionalizzazione della professione.

Ci sono rischi e opportunità quindi, come in tutte le libere professioni d’altronde, ma il giusto consiglio di Alessandro Bonaccorsi è quello di non aver timore a sporcarsi le mani affrontando il mercato e le nuove tecnologie secondo le loro regole per raggiungere il grande pubblico, ed evitare che la frustrazione porti a confrontarsi solo con una cerchia di pochi intenditori che già conoscono e sanno apprezzare il proprio lavoro.

Di seguito elenco gli illustratori che hanno prestato i loro lavori a “Illustrazione – L’immaginario per la professione”.

Gianni De Conno http://www.giannideconno-illustrator.com

Fortunato Depero – Casa d’Arte Futurista presso il MART di Trento – http://www.mart.trento.it/casadepero

Guido Scarabottolo – http://www.scarabottolo.com/

Edel Rodriguez – http://edelr.com/

James Jean – http://www.jamesjean.com/

Emiliano Ponzi – http://www.emilianoponzi.com/

Beppe Giacobbe – http://www.beppegiacobbe.com/

Klaus Haapaniemi – http://www.klaush.com/

Yuko Shimizu- http://yukoart.com/

Lasse Skarbovik – http://www.lasseskarbovik.com/

Christian Montenegro – http://www.christianmontenegro.com.ar/

Chris Buzelli – http://chrisbuzelli.com/

Ronald Kurniawan – http://ronaldkurniawan.com/

Scritto da:

Stefano Ricci

Sono un architetto che vive e lavora a Cesena. Costruzioni Lego, fumetti e cinema mi hanno spinto verso una professione di creativo e verso ELMANCO, nato nel lontano 2005. Nel corso degli anni il blog ha cambiato pelle molte volte, ed ora è dedicato alla mia passione per l'industrial e il graphic design. Se ELMANCO ti piace, suggeriscilo al tuo compagno di banco.

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento