tsevis4

I mosaici di Charis Tsevis

Scritto il: Scritto da:

0

Charis Tsevis è un graphic designer greco che ha costruito una folgorante carriera di illustratore intorno al successo del suo famoso ritratto di Steve Jobs. Qualche anno fa Tsevis ha rappresentato il fondatore di Apple con un mosaico formato da tante piccole immagini dei prodotti creati dalla casa di Cupertino. Sono sicuro che la maggior parte dei lettori ha già visto questo ritratto, che è diventato per Steve Jobs un’icona nota quasi quanto quella disegnata da Shepard Fairey per Barack Obama.

L’idea di decomporre i personaggi famosi usando le loro creazioni come dei pixel è piaciuta moltissimo ed è stata imitata da tanti altri, mentre Charis Tsevis l’ha trasformata nel proprio marchio di fabbrica replicandola per le pubblicità di brand come Gatorade (che vedi nell’immagine di copertina), Toyota, Nike e Ikea o per le illustrazioni commissionate da prestigiosi magazine. Per Time, ad esempio, Tsevis ha creato un magnifico ritratto di Charles Darwin formato nella parte superiore da specie animali e vegetali che sono un’evoluzione di quelle che si trovano alla base.

L’ultimo lavoro di Charis Tsevis è una serie di illustrazioni create per “Gadgets, Games, Robots and the Digital World” un libro  che racconta in maniera accattivante l’evoluzione tecnologica dell’hardware e del software avvenuta negli ultimi trenta anni.
Nel suo profilo su Behance Tsevis ha pubblicato le immagini di Bill Gates, Grace Hopper,Cynthia Breazeal, Mark Zuckerberg, Sir Clive Sinclair and Tomohiro Nishikado create per l’occasione, accompagnate da un descrizione della loro genesi e dall’ingrandimento di alcuni dettagli.

Scritto da:

Stefano Ricci

Sono un architetto che vive e lavora a Cesena. Costruzioni Lego, fumetti e cinema mi hanno spinto verso una professione di creativo e verso ELMANCO, nato nel lontano 2005. Nel corso degli anni il blog ha cambiato pelle molte volte, ed ora è dedicato alla mia passione per l'industrial e il graphic design. Se ELMANCO ti piace, suggeriscilo al tuo compagno di banco.

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento