bouroullec1

I fratelli Bouroullec

Scritto il: Scritto da:

0

E’ molto strano che fino ad oggi non abbia dedicato un articolo ai designer francesi Ronan & Erwan Bouroullec, anche se tuttavia erano già apparsi qua e tra i vecchi post di Elmanco.
Credo che la maggior parte dei lettori del blog li conosca già, quindi non aspettarti di trovare chissà quali sorprese nel seguito dell’articolo, quanto un doveroso tributo a uno degli studi che più tiene alta nel mondo la bandiera del buon design.


I fratelli sono ancora piuttosto giovani (Ronan è nato nel 1971 ed Erwan nel 1976) e la loro carriera è sbocciata grazie a Giulio Cappellini, che nel 1997 ha dimostrato la sua abilità di talent scout notandoli al Salone del Mobile di Parigi e offrendogli il primo ingaggio per un’azienda di design di alto livello. Da quel momento i due francesi hanno spiccato il volo e Cappellini, insieme a Vitra e Issey Miyake sono diventati tra i loro più prolifici committenti.

Uno dei loro maggiori successi del 2011 è stato invece disegnato per una azienda italiana di piccole dimensioni specializzata nella lavorazione del legno: Mattiazzi, che con la Osso Chair ha fatto centro, guadagnando un’enorme visibilità.


Il progetto con cui invece li ho conosciuti qualche anno fa è la libreria modulare Cloud, una forma semplice che può generare composizioni affascinanti. Tutti i progetti dei fratelli Bouroullec appaiano molto semplici, ma non sempre semplice significa banale e nel loro caso la semplicità diventa uno degli strumenti con cui raggiungere l’ideale di funzionalità e bellezza a cui i designer aspirano.


Come si raggiungono risultati di tale eleganza e originalità? Credo che uno dei requisiti sia affrontare un progetto con la testa sgombra, senza avere preconcetti o idee nel cassetto che non vedono l’ora di venir fuori, e facendosi invece ispirare da un materiale o da un sensazione che un bravo creativo deve sempre saper leggere tra le righe del briefing con l’azienda.

Scritto da:

Stefano Ricci

Sono un architetto che vive e lavora a Cesena. Costruzioni Lego, fumetti e cinema mi hanno spinto verso una professione di creativo e verso ELMANCO, nato nel lontano 2005. Nel corso degli anni il blog ha cambiato pelle molte volte, ed ora è dedicato alla mia passione per l'industrial e il graphic design. Se ELMANCO ti piace, suggeriscilo al tuo compagno di banco.

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento