matthewhilton1

Matthew Hilton

Scritto il: Scritto da:

0

Matthew Hilton è un designer inglese di grande esperienza, che dopo aver lavorato con importanti aziende di arredo e design (tra le altre Driade, Heals e Habitat) ha scelto, quattro anni fa, di mettersi in proprio e creare il proprio marchio. Questa scelta gli ha permesso di sviluppare con maggiore libertà il suo stile, e di avere un migliore controllo degli aspetti inerenti alla produzione e alla promozione degli arredi.

L’avventura imprenditoriale è stata il naturale proseguimento della carriera di un designer già affermato, ed ha avuto successo anche perché Matthew Hilton ha potuto contare sul supporto di De La Espada, un’azienda anglo-portoghese dalla vocazione artigianale e molto attenta alla qualità.

De la Espada, che distribuisce gli arredi di Matthew Hilton, ha in portfolio molti altri designer interessanti, come Benjamin Hubert di cui parlai pochi mesi fa.

Matthew Hilton ama usare il legno, riserva un’attenzione eccezionale ai dettagli e spesso e volentieri si ispira ai classici del design degli anni ’50. Queste considerazioni descrivono piuttosto bene il lavoro del designer inglese, il cui fine resta sempre produrre arredi belli ma rigorosi, che possano invecchiare con successo nelle case di chi desidera acquistarli.
E non si tratta di acquisti da fare a cuor leggero, perché una simile qualità si paga, ovviamente, cara…

Il sito di Matthew Hilton è molto piacevole da navigare e le foto ad alta risoluzione esaltano proprio la qualità dei dettagli e la speciale lavorazione del legno. Il web design è dell’ottimo studio inglese Spin, a cui ho dedicato un articolo giusto l’altro ieri.

Scritto da:

Stefano Ricci

Sono un architetto che vive e lavora a Cesena. Costruzioni Lego, fumetti e cinema mi hanno spinto verso una professione di creativo e verso ELMANCO, nato nel lontano 2005. Nel corso degli anni il blog ha cambiato pelle molte volte, ed ora è dedicato alla mia passione per l'industrial e il graphic design. Se ELMANCO ti piace, suggeriscilo al tuo compagno di banco.

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento