stonedesign1

Stone Designs a Madrid

Scritto il: Scritto da:

0

Stone Designs è un piccolo studio di progettazione spagnolo che scovai a Madrid il gennaio scorso. In questi giorni ho ritrovato la foto della loro vetrina e ho deciso di dedicargli un articolo. La vetrina dello studio, già, perché il suo aspetto fantasioso ed informale non passa inosservato e lascia intendere come si tratti dell’ambiente di lavoro di qualche creativo.
Il portfolio di Stone Designs si divide nelle categorie product e interior design ed è caratterizzato da alcuni temi che ho trovato ricorrenti, seppur evoluti, in diversi progetti.
Uno di questi temi è unire le caratteristiche di due oggetti distinti per ottenere qualcosa di nuovo, come è stato fatto per i Guerilla Containers: grandi cuscini che avvolgono un contenitore in legno rendendo possibile usi diversi e la creazione di arredi insoliti e divertenti.

Sullo stesso tema mi è piaciuta questa radiosveglia, il cui piano superiore può essere usato come portaoggetti. La realizzazione avrebbe potuto essere anche più sofisticata ma l’idea di mischiare i materiali a seconda dell’uso è una bella intuizione.

Un progetto per Muji che consiglio di vedere questo tavolo “espositivo” formato da contenitori di dimensioni diverse che nascondono i prodotti al di sotto del piano.


Una delle fonti di ispirazione per Stone Designs è spesso il legame con il mondo della natura, come è evidente nel caso di questi i tavolini concentrici Drops. Sempre sullo stesso tema è stata disegnata una variegata serie di orologi da polso.

Lo studio ha lavorato spesso per RS Barcellona con buoni risultati perché c’è sintonia con lo stile dell’azienda: colorato, simpatico ed informale. Tra i tanti arredi segnalo la libreria By Yourshelf, composta da moduli inclinati che astutamente fingono l’ortogonalità. La leggera rotazione aiuta a tenere i libri in ordine e caratterizza l’oggetto, che può considerarsi un’evoluzione meglio riuscita della libreria Equilibrio, nata nel 1998.

Concludo con la panca On The Road; fissare l’imbottitura alla struttura tramite un evidente elastico rosso è una idea ben riuscita, ripetuta con successo anche in altri progetti di sedute.

Scritto da:

Stefano Ricci

Sono un architetto che vive e lavora a Cesena. Costruzioni Lego, fumetti e cinema mi hanno spinto verso una professione di creativo e verso ELMANCO, nato nel lontano 2005. Nel corso degli anni il blog ha cambiato pelle molte volte, ed ora è dedicato alla mia passione per l'industrial e il graphic design. Se ELMANCO ti piace, suggeriscilo al tuo compagno di banco.

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento