pastoe1

Pastoe

Scritto il: Scritto da:

0

English translation below by Gianluca Gimini.
Pastoe è un’azienda di arredo Olandese con una lunga storia segnata dall’impegno per l’innovazione e la qualità. Per rendersene conto consiglio di sfogliare proprio la sezione “history” del sito dove è spiegato come Pastoe, fondata nel 1913, abbia dovuto insistere tenacemente per circa due decenni prima che le linee moderne e geometriche dei suoi mobili, decisamente radicali per l’epoca, ottenessero il gradimento del grande pubblico.
L’azienda ha mantenuto nel corso degli anni una forte coerenza, e oggi propone arredi puri ma ricchi di personalità che ambiscono ad avere durevolezza estetica ed a invecchiare bene.

Io ho scoperto Pastoe con l’allestimento dello showroom Understate a Brera durante l’ultima settimana del design Milanese. Lo stile minimale ma accogliente visto in vetrina mi colpii, e decisi di approfondire la conoscenza.
Nei comunicati stampa il direttore artistico Joost van der Vecht spiega che nella scelta dei colori dell’allestimento si è fatto ispirare alla serie poliziesca svedese Wallander, come a dimostrare la contemporaneità di Pastoe con le tendenze attuali.

La collezione è formata sopratutto da mobili contenitori di ogni tipo, con l’aggiunta di alcune sedute che meritano comunque di essere conosciute. Come sm05, una delle prime sedie interamente costruita in fil di ferro, ed ancora in produzione dal 1958. La gran parte della produzione si concentra però su armadi e scaffalature: le serie che preferisco sono Vision, Totem e Matrix, disponibili in numerose varianti di colore e dimensioni.

I designer sono quasi tutti Olandesi, ma non ne conoscevo nessuno… tanto meglio, c’è sempre da imparare.

Pastoe is a Dutch brand with a long history marked by its commitment to innovation and quality. They manufacture high-end furniture with a rock hard modernist core. To realize how strongly idealistic their philosophy is I suggest you go take a look at the “history” page of their website: after the company was established in 1913 two decades had to pass before the public started to grow fond of their shocking new rational approach and rigid geometries.
Through the years this company has always remained coherent  and the furnishings they now propose are rich in personality yet bring forth an astonishing formal purity. Looking at them from an aesthetical point of view you can tell they will last long and age wonderfully.

I discovered Pastoe thanks to the Understate showroom in Brera during the design week in Milan. The minimal style caught my eye through the window and struck  me with the surprising warmth it manages to suggest. This made me feel the need to get a deeper insight.  In their press releases the art director Joost van der Vecht explains how the Swedish T.V. series Wallander influenced the choice of  colors, implicitly underlining how Pastoe is up to date with current fashions.

The principal elements of this collection are storage units of all kinds with the addition of a few chair designs that I think deserve being acknowledged. The sm05 for example, one of the world’s first chairs to be entirely built in iron rod and still in production after 53 years. But as said most of the production is focused on storage units, cupboards and shelves. My personal favorites are  Vision, Totem and Matrix, all available in many different color and size combinations.
The designers are nearly all Dutch and I confess I knew none of them, but I’m really glad I know them now and likely enough this will not remain the single occasion in which I speak about their remarkable work.


Scritto da:

Stefano Ricci

Sono un architetto che vive e lavora a Cesena. Costruzioni Lego, fumetti e cinema mi hanno spinto verso una professione di creativo e verso ELMANCO, nato nel lontano 2005. Nel corso degli anni il blog ha cambiato pelle molte volte, ed ora è dedicato alla mia passione per l'industrial e il graphic design. Se ELMANCO ti piace, suggeriscilo al tuo compagno di banco.

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento