ceramic_remote.jpg

Il telecomando più fragile del mondo

Scritto il: Scritto da:

0

Perché costruire un telecomando in ceramica?
Usare un materiale così fragile per un oggetto del genere sembra un controsenso, visto che da due generazioni siamo abituati ad avere in giro per casa almeno 3-4 telecomandi che scivolano dalle mani, si nascondano nei divani e sono preda dei bambini. Aziende come la Meliconi hanno costruito la loro fortuna proprio sull’intuizione di produrre dei gusci di gomma che ne attutiscono gli urti. Eppure l’idea del giapponese Yuta Watanabe non è così peregrina perché rovescia brillantemente il problema: rendiamo il telecomando un prodotto bello e delicato da mostrare agli ospiti, e forse gli dedicheremo più cura ed attenzione, cosicché non sia necessario rivestirlo di plastica.
Funzionerà? Non lo so, ma un’idea snob come questa non può essere ignorata!
(Via: Yanko Design)

Scritto da:

Stefano Ricci

Sono un architetto che vive e lavora a Cesena. Costruzioni Lego, fumetti e cinema mi hanno spinto verso una professione di creativo e verso ELMANCO, nato nel lontano 2005. Nel corso degli anni il blog ha cambiato pelle molte volte, ed ora è dedicato alla mia passione per l'industrial e il graphic design. Se ELMANCO ti piace, suggeriscilo al tuo compagno di banco.

Nessun commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URL

Lascia un commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento